Franchises News


September 11, 2007

Corsi di formazione Fill-Up: come un affiliato diventa imprenditore

Comunicato Stampa

Si consolida la fiducia dei franchisee che hanno scelto Fill-Up, mentre continua a crescere il numero dei nuovi affiliati.

Alla base di questo successo, oltre alla competenza maturata dall’azienda, la formula decisamente esclusiva che lascia al franchisee libertà giuridica ed imprenditoriale nella gestione del punto vendita, senza vincoli contrattuali.

Ma la vera forza di Fill-up è racchiusa, oltre che nell'assistenza diretta e continuativa da parte di tecnici specializzati, nella formazione garantita gli affiliati.

Abbiamo chiesto a Paride Petrone, cofondatore di Fill-Up, di spiegarci come l'azienda forma e supporta i franchisee su tutti gli aspetti necessari – economici, fiscali, di marketing e comunicazione – per una gestione ottimale del punto vendita.

Come si diventa franchisee Fill-Up?

L'attività che proponiamo è estremamente semplice e accessibile a tutti. Forniamo attrezzature affidabili comprese in speciali pacchetti di ingresso che permettono di poter rigenerare le cartucce con qualità pari, o addirittura superiore alle originali, garantendo la soddisfazione della clientela.

Ma 'semplice' non significa che non occorra acquisire competenze tecniche. Per portare avanti l'attività con successo è necessario, inoltre, fornire all'affiliato nozioni 'imprenditoriali'. Per queste ragioni il nostro programma di formazione prevede momenti didattici altamente professionali.    

Come è strutturata l'attività formativa?

I nostri corsi si svolgono in cinque giornate didattiche che vengono tenute all'interno della nostra struttura.

Un primo corso, prettamente tecnico e della durata di quattro giorni, consente l'acquisizione di tutti gli strumenti per  rigenerare ogni tipo di cartucce, capire il funzionamento delle stampanti e conoscere i materiali da utilizzare.

Un secondo corso, supportato da un manuale esplicativo, si svolge nell'arco di una giornata e concerne tutti gli aspetti economici, fiscali e quelli legati al marketing e alla comunicazione.

Una struttura multimediale interna viene inoltre messa a disposizione delle aziende produttrici di materie prime al fine di trasferire ai nuovi rigeneratori strumenti tecnico-pratici approfonditi.

Vi avvalete di docenti esterni?

Per la prima parte, prettamente tecnica, certamente no. Ma dal momento che non basta saper rigenerare perfettamente una cartuccia per far decollare l'attività, ma sono necessarie nozioni economiche e strategie di marketing, ci appoggiamo a esperti consulenti esterni. Per questo abbiamo affidato la seconda parte dei nostri corsi  a EGEA, una dinamica società di consulenza e formazione specializzata per il settore del Franchising.

Abbiamo chiesto a Stefano Brusamolin, fondatore di EGEA, di spiegarci nei dettagli, finalità e modalità dei corsi progettati per la Fill-Up.

“Il nostro corso proposto a Fill-Up si divide in tre parti: la prima fornisce indicazioni generali per l'organizzazione del punto vendita, la seconda elementi di comunicazione e marketing e la terza illustra la normativa di settore. Ma non ci limitiamo al puro aspetto didattico in aula – spiega Brusamolin - bensì forniamo all'affiliato dei supporti in modo che possa utilizzarli fin da subito. Abbiamo anche creato un CD-ROM che contiene oltre alle slide del corso, tutta la documentazione nel dettaglio per avviare l’attività e promuoverla con tutti i riferimenti normativi.

Abbiamo valutato attentamente la struttura da dare al corso, considerando la provenienza 'variegata' dei nostri allievi che possono essere già imprenditori ma anche ex-dipendenti, avere locali in affitto o disporre di uno spazio proprio. Abbiamo deciso quindi di dare alle lezioni un taglio pratico perché sia semplice passare dalla teoria alla realtà operativa. La nostra filosofia di intervento, come la definiamo noi, è 'sartoriale': in base alle esigenze del cliente costruiamo le soluzioni. Per Fill-Up una formula così strutturata ci sembrava la migliore. Il successo crescente del franchising sembra darci ragione”.

www.fillup.it



Altri articoli di notizie rispetto allo stesso mese


Agosto 2007

Luglio 2007

Giugno 2007

Maggio 2007