Franchises News


January 21, 2013

Confimprese: ancora in calo le vendite nei centri commerciali

Il 2012 si è chiuso con un -2,69% secco sul 2011




COMUNICATO STAMPA

Mario Resca, Confimprese: «Rallentano le vendite nei centri commerciali, che hanno chiuso il 2012 con una flessione del 2,69% su base annua»

Milano, 18 gennaio 2013 – Ancora in calo le vendite nei centri commerciali. Il 2012 si è chiuso con un -2,69% secco sul 2011, secondo i dati rilevati da Nielsen per Confimprese Lab. In particolare il mese di dicembre ha registrato un -1,97% vs dicembre 2011. Ad avere la peggio l’area4 (Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia) con una flessione del 6,20% su base annua e del 2,09% sul mese di dicembre. Anche le altre aree mostrano tutte il segno meno sia nel progressivo annuale che mensile: 
-2,11% per Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta (-1,46% sul mese), -1,60% per Emilia Romagna e Triveneto (-2,57% sul mese), -2,65% per Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Sardegna (-2,19% sul mese).

«E’ innegabile – chiarisce Mario Resca, presidente Confimprese – che la situazione sia cambiata e di conseguenza il mercato italiano dei centri commerciali sta vivendo un congelamento di nuovi progetti, riconducibile a due motivi: la riduzione del ritorno sull’equity e la crescente difficoltà nel reperire finanziamenti per l’avvio di nuovi progetti. A ciò si aggiungono l’attuale crisi, ma soprattutto una drastica riduzione della propensione al consumo, che non è più possibile considerare come esclusivamente legata alla congiuntura economica. Come rilevano recenti dati del Confimprese Lab, l’indice di fiducia degli italiani è decisamente inferiore a quello dei cugini europei (41 in Italia vs 88 in Germania, 75 in UK, 61 in Francia e 52 in Spagna); il 91% degli italiani ha prospettive di lavoro negative o molto negative nei prossimi 12 mesi e l’81% pensa che lo stato delle finanze personali nei prossimi 12 mesi sarà pessimo, mentre il 92% degli italiani ritiene l’attuale momento non adatto a fare acquisti». 

I retailer associati a Confimprese hanno registrato nel 2012 vs 2011 un aumento dell’incidenza delle spese di affitto sul fatturato dello 0,65 % e dei costi di personale sul fatturato di mezzo punto percentuale, con la conseguente erosione di metà del proprio margine. «In occasione di un recente incontro con il CNCC – spiega Mario Maiocchi, ad Unieuro e coordinatore comitato real estate Confimprese – gli operatori dei centri commerciali, pur concordando sulla criticità della congiuntura economica complessiva, hanno rilevato come tra i centri commerciali vi sia una marcata differenza tra le performance dei centri commerciali ‘prime’ e quelle dei centri di seconda fascia e come, di conseguenza, l’incidenza dei costi complessivi di occupazione spazi debba sempre essere valutata in funzione dell’efficienza e attrattività di ciascun specifico centro. Inoltre, nell’ottica di valutare l’impatto sul costo del lavoro della liberalizzazione degli orari, è stato valutato che la variazione media del costo del personale sul fatturato per il solo canale cc del 3° trimestre 2012 vs stesso periodo 2011 è aumentato in media del 6%, con picchi registrati da alcune aziende del 30%».

«La difficile situazione di mercato – conclude Resca – rende comunque necessaria un’attenta riflessione sui modelli di business e un rafforzamento della partnership tra i diversi attori per garantire la sostenibilità complessiva del sistema, che passa dalla sostenibilità dei singoli punti di vendita».


Laura Galdabini
Ufficio Stampa 
Piazza Sant'Ambrogio, 16
20123 - Milano
Cell. 335.4212410
Tel. 02.89013233
l.galdabini@confimprese.it



Altri articoli di notizie rispetto allo stesso mese


Dicembre 2012

Novembre 2012

Ottobre 2012

Settembre 2012