Franchises News


April 23, 2013

Confimprese: «Negozi aperti il 25 aprile. Il momento non consente di abbassare le saracinesche»

Disappunto di Confimprese per il doppio sciopero proclamato da commessi e cassiere di Milano e provincia




Milano, 23 aprile 2013 – Disappunto di Confimprese per il doppio sciopero proclamato da commessi e cassiere di Milano e provincia per il 25 aprile e il 1 maggio. «In tempi di crisi e di cassa integrazione – afferma Mario Resca, presidente Confimprese – i negozi devono restare aperti anche nelle feste comandate: la recessione morde i consumi, il 54% degli italiani compra solo l’essenziale, mentre il 30% acquista meno in assoluto. Nei punti vendita, i nostri associati utilizzano tutti gli strumenti del marketing mix, incluse le promozioni (la pressione promozionale è arrivata al 28,9% in marzo), per sostenere i volumi di vendita. Decidere di tenere aperti i negozi è una scelta che il retailer compie consapevolmente non solo per la sostenibilità del negozio, ma anche per mantenere i posti di lavoro, che in un momento di crisi così acuta potrebbero anche andare incontro a una drastica riduzione. Nell’abbigliamento, per esempio, le domeniche valgono il 23% del totale ingressi contro il 10% del lunedì e mercoledì, l’8% del martedì, l’11% del giovedì, il 12% del venerdì. In generale di domenica l’indice di conversione è al 23%: rinunciare alla aperture festive sarebbe, dunque, un’occasione mancata per il commercio. In particolare per Milano, che da tempo è città di destinazione turistica culturale, congressuale, di business. Chiudere i negozi significa allontanare i turisti da Milano e non tenere in considerazione nemmeno le esigenze dei milanesi che rimangono in città». 


Laura Galdabini
Ufficio Stampa 
Piazza Sant'Ambrogio, 16
20123 - Milano
Cell. 335.4212410
Tel. 02.89013233
l.galdabini@confimprese.it



Altri articoli di notizie rispetto allo stesso mese


Marzo 2013

Febbraio 2013

Gennaio 2013

Dicembre 2012