Franchises News


April 4, 2008

Pastarito rifà il look per piacere a bimbi e famiglie

Fonte: Mark Up




Nuova immagine per i locali. Sviluppo soprattutto nel nord-est attraverso l’affiliazione. Pastarito cambia interni e amplia l’offerta.

Presente in Italia con 30 unità a Bologna, Firenze, Milano, Monza, Roma e Torino, e con progetti di sviluppo all’estero, dove conta 9 locali in Bulgaria, Cina, Grecia, Spagna e Turchia, il nuovo management di Pastarito sta portando avanti un radicale restyling del marchio abbinato a un deciso riposizionamento dei ristoranti avviato nel 2007 da CIR Food (Cooperativa italiana di ristorazione), che ha acquisito la catena nel 2003. Fra i collaboratori del progetto artistico figurano gli illustratori Marco Marella e Antonello Silverini che contribuiranno alla creazione di ambienti caratterizzati da scenografie e colori nuovi rispetto al formato tradizionale, dando un nuovo volto ai 30 locali italiani. L’Oasi dei Piccoli –una delle innovazioni rispetto alla versione storica di Pastarito –è una sorta di “nursery”, spazio dedicato ai piccoli e rivolto alle famiglie. Per ora è presente nei due locali in viale Jenner e via Mecenate a Milano, e in quello di viale Italia a Corsico, nell’hinterland della città. La prossima apertura è prevista a Torino. Nei tre locali milanesi sono disponibili anche menù baby e family card ed è possibile organizzare compleanni: nel Pastarito di viale Jenner tutte le domeniche di aprile i più piccoli saranno intrattenuti dalle 12,30 alle 15 da un gruppo di animatori. Sempre in tema di servizio, i locali a Monza e Firenze prevedono anche una zona bar. A Firenze è stato installato un banco per il servizio bar e caffetteria in funzione dalle 7 per accogliere pendolari e viaggiatori. Pastarito-Pizzarito (le due insegne erano spesso associate) rappresenta un caso di estremo interesse nella storia della ristorazione italiana degli ultimi 10-15 anni. Fondata nel 1993 dall’imprenditore torinese Giancarlo Vigo, la catena di ristoranti –connotata da un menù incentrato su abbondanti primi piatti e pizze –si è sviluppata a ritmi impetuosi aprendo in posizioni di forte attrazione soprattutto a Milano, epicentro dello sviluppo, dove oggi conta 13 locali (9 in città + 4 nell’hinterland) sui totali 16 in Lombardia. Le “location” rappresentano tuttora il punto forte della catena, i cui ristoranti sono aperti o in vie centralissime (per esempio a Milano, in via Verdi, a due passi dalla Scala e in viale Bianca Maria, angolo piazza V Giornate, proprio di fronte a Coin) o in strade cittadine ad altissimo flusso automobilistico come, sempre per rimanere nella capoluogo lombardo, viale Jenner, uno dei ristoranti più grandi, che si affaccia sulla trafficatissima circonvallazione esterna. Dopo un’espansione tumultuosa non priva di contraddizioni (la prima delle quali concerneva la disomogeneità della gestione soprattutto nei locali affiliati), è arrivato il periodo di crisi finito –dopo alterni tentativi di cessione –nel 2003 quando la catena è passata a CIR Food. I 30 locali Pastarito sono concentrati soprattutto in Lazio (10 locali a Roma) e Lombardia (16 unità) con presenze residuali in Emilia Romagna (1 locale a Bologna) e Toscana (1 a Firenze). Nello sviluppo della catena conterà molto il franchising e la copertura del nord-est. CIR Food è il 4° gruppo nella ristorazione italiana (collettiva + commerciale). Oltre a Pastarito-Pizzarito, i principali brand nella ristorazione commerciale sono Piazza del Sole per le pizzerie-focaccerie, Rita per i ristoranti a libero servizio, e Flash Cafè per gli snack bar.

I numeri di CIR Food
303.565.000 € i ricavi totali
260.598.000 € i ricavi della ristorazione
2.376.000 € l’utile netto
7.250 i dipendenti 3.461 i soci cooperatori.

http://www.mark-up.it/01NET/HP/0,1254,41_ART_325,00.html?lw=41;5

 



Altri articoli di notizie rispetto allo stesso mese


Marzo 2008

Febbraio 2008

Gennaio 2008

Dicembre 2007