Franchises News


November 17, 2006

La moda italiana vince anche a Mosca

Estratto da Il Sole 24 Ore del 7/11/06 a cura di Pambianconews

La moda e le griffe italiane stanno andando forte sul mercato dell''abbigliamento in Russia, stimato oggi a oltre 35 miliardi di dollari (28 miliardi di euro), incluse le importazioni "grigie", soprattutto dai Paesi asiatici, e che cresce intorno al 20% e più all'anno. Secondo i dati ufficiali russi, le importazioni di abbigliamento sono salite da 862 a 1.058 milioni di dollari nel 2005, ma già a fine agosto 2006 erano 812 miliardi, quasi come l'intero anno 2004 e la previsione per il 2006 è di almeno 1,3 miliardi di dollari.

Le esportazioni di abbigliamento dell'Italia in Russia sono cresciute del 29% nei primi 7 mesi di quest'anno, arrivando a 483 milioni di euro e con una previsione di sfiorare i 980 milioni a fine anno, ovvero quasi un miliardo di euro.

Il centro di Mosca è ormai presidiato con negozi monomarca o in franchising da tutte le maggiori griffe italiane, da Armani a Benetton, da Brioni a Canali, da Gucci a Ferrè, e ancora Prada, Valentino e Versace. Secondo i dati russi, nel 2005 l'Italia era al terzo posto, in valore, sia nelle forniture di abbigliamento, con il 9,6% dopo Cina (33,7%) e Turchia (12,4%), sia in quelle di maglieria, con il 12,7%, dopo Turchia (24,9%) e Corea (25,5%). Ma dati i maggiori volumi e i bassi prezzi degli altri Paesi, l'Italia domina in assoluto nella fascia di maggiore qualità a prezzi abbordabili per la nuova classe media russa, per non parlare degli abiti firmati e delle boutique di lusso.

D'altra parte, anche l'industria russa dell'abbigliamento ha incominciato a riprendersi negli ultimi 2 anni, spesso producendo su licenza, ma creando anche i propri nuovi marchi, soprattutto a opera dei principali gruppi tessili come Alians Ruskij Textil (fatturato previsto verso i 400 milioni di dollari nel 2006), o Tld Holding (160 milioni di dollari).



Altri articoli di notizie rispetto allo stesso mese


Ottobre 2006

Settembre 2006

Agosto 2006

Luglio 2006