Franchises News


January 16, 2008

MacBook Air e film a noleggio su iTunes: le novità Apple

Fonte: VisionPost.it




Di Carola Frediani

Il portatile più sottile del mondo e un accordo con 6 major per la distribuzione di film in affitto su iTunes: la casa della Mela gioca sulla sua tradizione - i computer - ma guarda a Hollywood.

Alla fine quell'arietta solleticante si è materializzata in un portatile. Immateriale per altro. Bianco e sottile come una sfoglia, tanto che lo si può infilare in una busta da documenti.

Durante l'annuale MacWorld di San Francisco (ritrasmesso in diretta nella sede di BBC a Londra per la stampa europea, dove c'eravamo anche noi di VisionPost) Apple ha dunque svelato il mistero: quella frase There's something in the Air che aleggiava prima sul Moscone Center in California e poi sul sito si riferiva al nuovo prodotto della Mela morsicata: il MacBook Air (1699 euro in Italia), subito ribattezzato il portatile più sottile del mondo. Un notebook che nel suo punto più sottile misura appena 4mm (la massima è 19mm), che pesa poco più di 1 kg, dotato di uno schermo da 13,3 pollici, una tastiera di dimensioni regolari, un trackpad con supporto multi-touch, che permette di spostare, pizzicare, ruotare, zoommare immagini con le mani proprio come avviene con l'iPhone. Il tutto sostenuto da un processore Intel Core 2 Duo a 1,6Ghz o 1,8Ghz, un disco rigido da 80GB, le connessioni Wi-Fi, Bluetooth, la webcam integrata e via dicendo.

Un asso nella manica che Steve Jobs si è tenuto per ultimo. Dulcis in fundo. Le altre portate del menù però non sono affatto da sottovalutare. Soprattutto il lancio di iTunes Movie Rental (attivo subito negli Usa, "presto", ha aggiunto Jobs, a livello globale), il servizio di noleggio film direttamente dal negozio online di Apple (fino ad oggi si potevano solo acquistare). Che ha significato incassare accordi con le major cinematografiche, una cinquina (oltre a Disney) fino a poco tempo fa ritenuta impossibile: 20th Century Fox, WarnerBros, Paramount, Universal, Sony. Un patto di ferro, che probabilmente è costato furiose e difficili contrattazioni, un do ut des ancora tutto da chiarire. Ma l'obiettivo di rilanciare iTunes anche come punto di riferimento per i film ha funzionato. Le pellicole noleggiate (2,99$ o 3,99$ per le nuove uscite, più un dollaro per l'high-definition) si potranno guardare su Mac e Pc, su iPod e iPhone. Ma con piccolo trucco anche sul televisore.

Perché in fondo è lì che guarda Steve Jobs, come ci guardano Microsoft, Amazon, Netflix: il vostro salotto. Come portare internet sulla tv di casa? A questa domanda la Mela aveva risposto con Apple Tv, ma l'esperimento non era andato troppo bene. Tanto che Jobs durante il MacWorld ha fatto pure autocritica: ma solo per annunciare il ritorno della Apple Tv in una nuova veste, Apple Tv 2 la vendetta, per restare in spirito cinematografico. Il nuovo scatolotto della Mela permette di affittare i film direttamente, ma anche di vedere le foto di Flickr o i video di YouTube, oltre che i propri contenuti digitali. Il tutto a 229 dollari.

E poi certo, nuove applicazioni per l'iPhone - iPod Touch, e nuovi accessori come Time Capsule, un hard disk esterno che facilita il back-up dei dati via wireless. Ma la strategia attuale di Apple è chiara: condensare il meglio del mondo Mac (e MacIntel dovremmo dire ormai) col meglio dell'esperienza iPod. E continuare a marciare come un bulldozer nella distribuzione digitale di media: prima le canzoni, ora i film, in un rapporto di odio-amore con i colossi del settore. Del resto, sarà stato un caso ma il Ceo della 20th Century Fox, Jim Gianopulos, invitato sul palco del MacWorld, vestiva, sotto la giacca, un dolcevita nero proprio come quello di jobs.

I numeri di iTunes+iPhone:
4 milioni di iPhone venduti
20mila iPhone al giorno
19% del mercato smartphone Usa
4 miliardi di canzoni vendute su iTunes



Altri articoli di notizie rispetto allo stesso mese


Dicembre 2007

Novembre 2007

Ottobre 2007

Settembre 2007