Franchises News


February 19, 2010

Stasera a Messina apre RossoPomodoro

Fonte: Informazione.it




ROSSOPOMODORO, marchio leader della ristorazione servita e specializzato nella cucina campana tradizionale, porta anche a Messina la vera pizza napoletana. Il nuovo locale debutta giovedì 18 febbraio invitando tutta la città a degustare gratuitamente ricchi assaggi delle sue migliori ricette. Per l’occasione è atteso il sindaco Giuseppe Buzzanca. L’indirizzo è zona S.S. 114, Km 4,7, Vill. Pistunina, l’appuntamento è alle ore 20.30. ROSSOPOMODORO realizza ogni piatto con materie prime selezionatissime, genuine, Presidi Slow Food o prodotte solo per l’insegna, con l’intento di tutelare prodotti rari e a rischio di estinzione. Frutta e verdura sono sempre di stagione.
Tra l’altro, dopo che l’Unione Europea ha assegnato il marchio STG -specialità tipica garantita- anche alla pizza napoletana, ROSSOPOMODORO può vantarsi di offrire da sempre la versione autentica di questo piatto, perché utilizza proprio gli ingredienti indicati dalla EU e il tipo di cottura nel forno a legna; non a caso il pay off è ‘pizzeria napoletana’.
In particolare, a Messina i forni sono due, su brevetto ‘Fornodoro’ di Riccardo Dalisi, testimonial artistico del brand, le cui opere sono presenti in numerose collezioni private e nei più prestigiosi Musei del mondo. Il layout e l’arredo dei locali ROSSOPOMODORO contribuiscono a creare un’atmosfera piacevole, rilassante e allegra.
Il ristorante di Messina si estende su 390 mq, di cui 250 ospitano 135 posti a sedere. Il dehor di 150 mq nella bella stagione offre 135 coperti.
Come in tutti i ROSSOPOMODORO, c’è il corner A’ Puteca (La bottega) dove si possono acquistare tanti prodotti tipici, quali l’olio, i pelati, le marmellate, la pasta, il vino, etc. Un’idea unica è il simpatico kit detto ‘di sopravvivenza’ ROSSOPOMODORO: un pacco con 500 gr di pasta Afeltra, Presidio Slow Food, 400 gr di pomodori di Sarno pelati, uno spicchio d’aglio e 125 ml di olio extravergine di oliva ottenuto rigorosamente dalle olive minucciola di Sorrento.
ROSSOPOMODORO è l’insegna di punta del gruppo SEBETO Italia e la strategia aziendale è lo sviluppo in franchising. Attualmente ROSSOPOMODORO è presente in Europa, Asia e Sudamerica; in gennaio ha aperto negli Stati Uniti a Naples (Florida); in Italia i punti vendita sono un’ottantina.
A SEBETO Italia fanno capo, oltre a ROSSOPOMODORO, anche i marchi Anema & Cozze, Rossosapore, Pizza Maccheroni e Contorni e Fuoco e brace. SEBETO è controllata da VESEVO Spa. Alla guida della società figurano Franco Manna, presidente del cda, Pippo Montella e Roberto Imperatrice amm.ri delegati e insieme ideatori dei brand. General manager è Clelia Martino, responsabile anche della Company University.
Nell’azionariato di VESEVO è presente il fondo di private equity Quadrivio con una quota del 47%. Il franchisee di Messina Antonio Manna, che è anche direttore del locale, spiega così i motivi della sua scelta: “Abbiamo optato per il brand ROSSOPOMODORO perché garantisce qualità totale, ovvero la cura dei dettagli in ogni fase del progetto: dall’arredamento al servizio e alla scelta delle materie prime, fattori che ne hanno decretato il successo internazionale.”
ROSSOPOMODORO è impegnato a favore dei più poveri del mondo. Da anni sostiene AMREF, la più importante associazione sanitaria africana. Quest’anno, sono stati prodotti 12 piatti pizza disegnati da famosi designer italiani su progetto di Aldo Petillo e sono proposti ai clienti, con un bel catalogo, in cambio di offerte libere. Il ricavato dell’iniziativa, intitolata ‘Un Piatto per la vita’, andrà interamente a finanziare 7 borse di studio in campo sanitario in Sud Sudan, dove la guerra civile ha distrutto le infrastrutture e per 8 milioni di abitanti i medici sono solo 32. I dettagli e i nomi dei laureandi sono sul sito www.rossopomodoro.it I piatti si possono anche prenotare scrivendo a piatto@rossopomodoro.it

http://www.informazione.it

 



Altri articoli di notizie rispetto allo stesso mese


Gennaio 2010

Dicembre 2009

Novembre 2009

Ottobre 2009